Polizia, il “drogometro”a Regalbuto e Catenanuova

Per la prevenzione dell’infortunistica stradale, come da direttive emanate dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, continua l’attuazione di mirati servizi di controllo dei conducenti, anche nelle ore notturne, sulle aree di Enna e provincia maggiormente interessate da un intenso flusso veicolare, disposta dal Questore di Enna Dr. Antonino Pietro Romeo.

Nello scorso week-end, pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Enna e del Distaccamento di Polizia Stradale di Nicosia, della Polizia Provinciale, congiuntamente all’Ufficio Sanitario Mobile della Questura di Enna con a bordo il Medico e l’Infermiere della Polizia di Stato,  hanno controllato 91 conducenti nel territorio di Catenanuova e Regalbuto e uno di questi ha tentato la fuga dal posto di controllo, prontamente vanificata dagli agenti in servizio.

Le pattuglie, dotate di apparecchio precursore “alcolblow” ed etilometro, hanno controllato la concentrazione di alcol nell’aria espirata dei conducenti, mentre i sanitari della Polizia di Stato hanno effettuato i test antidroga con il “drogometro”, un dispositivo che permette di svelare in appena 8 minuti se si è alla guida sotto effetto di sostanze stupefacenti e psicotrope, attraverso l’esame della saliva del soggetto controllato.

L’articolo 186 del Codice della Strada vieta la guida in stato di ebbrezza, prevedendo il ritiro della patente e sanzioni sia amministrative che penali, a seconda dei livelli di alcool riscontrati. L’articolo 187 del Codice della Strada punisce “chiunque guida in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope” con l’ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l’arresto da sei mesi a un anno. All’accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni.