Retata della polizia, scoperta una discoteca abusiva a Pietraperzia

Continua senza sosta l’impegno delle Forze di Polizia nel territorio sud della provincia, in particolare nell’ambito dei servizi di intensificazione del controllo del territorio voluti dal Questore di Enna Antonino Pietro Romeo. La polizia, con il supporto di operatori della Siae, ha effettuato un controllo amministrativo a Pietraperzia, all’interno di un capannone dove si stava svolgendo una serata danzante non autorizzata.

In particolare, gli uomini del Commissariato di Piazza Armerina, unitamente a personale della Squadra Mobile e della Divisione PASI della Questura di Enna, hanno accertato che presso un capannone solitamente adibito alla lavorazione artigianale delle pesche era stata organizzata una vera a propria discoteca con tanto di DJ, impianto musicale, somministrazione di bevande anche alcoliche e con circa un centinaio di ragazzi presenti all’atto del controllo.

Il tutto è avvenuto in totale disprezzo della normativa vigente in materia, come dimostrato in primis dall’assenza di licenza di agibilità.

In questo caso, all’atto del controllo sarebbe stato di immediata percezione il rischio per la sicurezza e l’incolumità dei presenti: all’interno del locale erano presenti anche mezzi agricoli pesanti, che un mero divisorio separava la zona da ballo dalla zona deposito mezzi agricoli e che la postazione del DJ era posizionata su un carrello agricolo.

Per questi motivi, il proprietario del locale e gli organizzatori dell’evento sono stati denunciati per “Apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento”.